Via alle giornate romane della francofonia

Al via, dal 14 al 21 marzo, le Giornate romane della francofonia, organizzate dal Gruppo dei Capi delle Missioni francofone nella Capitale e presentate il 7 marzo all’Ambasciata di Francia da Alain Le Roy, Ambasciatore di Francia in Italia in presenza degli ambasciatori e rappresentanti del Gruppo dei capi delle Missioni francofone a Roma. 13 appuntamenti a Roma nelle sale di Palazzo Farnese, Ambasciata di Haiti, Accademia d’Egitto (da confermare) e Institut français-Centre Saint Louis, e 7 tra Firenze, Milano, Napoli, Verona per festeggiare la vitalità della lingua francese e la ricchezza culturale dei Paesi che la adottano.

Da quasi vent’anni, la rassegna si dispiega attorno alla Giornata internazionale della francofonia che si celebra il 20 marzo attraverso un ventaglio di inziative, tra cinema, fotografia, letteratura, dibattiti, musica, con particolare attenzione a un tema. Quest’anno sarà l’innovazione ad animare due momenti chiave della rassegna:

- il concorso Dis-moi dix mots…à la folie, ideato dal Ministero della Cultura francese e riadattato in Italia per i giovani studenti del Lazio, Abruzzo, Marche e Umbria, chiamati a dare libero sfogo all’invenzione linguistica e alla capacità di immaginazione sulla base di 10 parole assegnate dal Ministero della cultura francese (premiazione il 20 marzo all’Institut français-Centre Saint-Louis). Lanciato anche sul web per tutti gli internauti, negli ultimi mesi il concorso ha sfidato gli amanti del francese e delle parole, la loro fantasia e il loro virtuosismo, contro le frasi fatte e i tic della lingua parlata che invadono la vita quotidiana e banalizzano la lingua stessa;
- la tavola rotonda Comunicare in francese: un valore aggiunto per le imprese (a Palazzo Farnese il 18 marzo), vedrà impegnati studiosi e tecnici della Comunicazione e del Marketing accanto agli Ambasciatori di Francia, Alain Le Roy, Marocco, Hassan Abouyoub e Bulgaria, Marin Raykov. A partire dal francese come lingua strategica per l’economia, il dibattito approfondirà gli aspetti legati alla collaborazione tra i Paesi, sottolineando la ricaduta proficua della cooperazione tra imprese e mondo dell’istruzione.

La cerimonia di inaugurazione si terrà venerdì 14 marzo all’Institut français - Centre Saint-Louis, che ospiterà il concerto del gruppo pop Éléphant e darà avvio al Francofilm, festival del film francofono di Roma. In gara 11 lungometraggi presentati per lo più in anteprima e provenienti tutti da paesi diversi, per offrire al pubblico una panoramica sulle differenti espressioni che costellano l’universo francofono. Aprirà la programmazione Eastern Plays del regista bulgaro Kamen Kalev, seguiranno, tra gli altri, Mobile Home di François Pirot (Lussemburgo), Les Chevaux de Dieu di Nabil Ayouch (Marocco), Asfouri di Fouad Alaywan (Libano), La Pirogue di Moussa Touré (Senegal). Il Francofilm si concluderà il 21 marzo con la proiezione della pellicola vincitrice del festival.

Immagini anche all’Ambasciata di Haiti (16 marzo) nella Mostra di fotografie di Haiti di Jérôme Glomaud, artista francese attivo tra New York e Santo Domingo, e la proiezione di Toussaint Louverture di Philippe Niang, autore e regista di origini senegalesi.

La passione per la scrittura sarà protagonista - il 17 marzo a Palazzo Farnese - dell’incontro con Florence Noiville, prestigiosa firma del quotidiano Le Monde e autrice del romanzo Quella sottile affinità, edito in Italia da Garzanti, un dialogo tra una madre e una figlia, oltre il tempo, di straordinaria intensità.

Il 20 marzo alle ore 10 presso l’Institut français-Centre Saint Louis, sarà il giorno di premiazione del concorso Dis-moi dix mots…à la folie. Gli studenti che si aggiudicheranno i premi messi in palio dagli organizzatori, avranno inoltre la possibilità di presentare in pubblico il loro lavoro (una breve canzone scritta sulle “10 parole”).

Sempre il 20 marzo, alle ore 18.30 all’Accademia d’Egitto (sede da confermare), si terrà la Cerimonia di chiusura delle Giornate romane della Francofonia, alla presenza degli Ambasciatori e rappresentanti del Gruppo dei Capi delle Missioni francofone a Roma. Nel corso della Cerimonia, si esibirà l’ensemble di Jamal Ouassini, eclettico musicista e violinista marocchino da anni attivo in Italia, conosciuto anche grazie alle collaborazioni con Moni Ovadia, Gabriele Tirabassi, Giorgio Albertazzi, Silvano Agosti.

Tanti gli appuntamenti anche fuori Roma:
- si parlerà ancora di scrittura all’Università di Verona assieme all’autrice e poetessa canadese Marie-Claire Blais, e all’Università Orientale di Napoli con lo svizzero Roland Buti;
- gli Institut français di Firenze, Milano e ancora Napoli, ospiteranno invece le Giornate del cinema del Québec in Italia - La bataille des rêves, 10 film inediti per il pubblico italiano, accomunati da un tema: la lotta per conquistare un sogno, sia esso un cambiamento sociale o l’innovazione artistica e creativa.


- Sito ufficiale : www.francoplus.roma.it
- Programma


Le Giornate romane della Francofonia sono realizzate in collaborazione con il Gruppo dei capi delle Missioni francofone italiane : questo ultimo è composto dalle Rappresentanze dei diversi paesi di lingua francese presenti sul territorio, che si riuniscono per dare corpo agli obiettivi dell’Organizzazione internazionale della Francofonia (OIF):
-  promuovere la lingua francese e la diversità culturale e linguistica
-  promuovere la pace, la democrazia e i diritti dell’Uomo
-  sostenere l’educazione, la formazione, l’insegnamento superiore e la ricerca
-  sviluppare la cooperazione al servizio dello sviluppo sostenibile

Per gli anni 2013 e 2014 il Gruppo dei capi delle Missioni francofone è presieduto dall’Ambasciata del Regno del Marocco, vice presidente e tesoriere sono rispettivamente le Ambasciate di Francia e Svizzera.

Ultime modifiche: 29/07/2014

Su della pagina