Vestibolo [fr]

Voûte sculptée de caissons rectangulaires à motifs de fleurs de lys et de licornes
Colonnes de travertin et bustes antiques d'empereurs romains
Vue générale du vestibule vers la cour
Détail du plafond
Clicca per ingrandire

Il vestibolo d’ingresso, ideato anch’esso da Antonio da Sangallo, si ispira agli edifici antichi. Lungo 14 metri, si sviluppa secondo una pianta basilicale con un’ampia navata centrale e due navate laterali più strette, separate da antiche colonne di granito provenienti dagli scavi delle terme di Caracalla.

JPEG - 145.2 Kb
Vue générale du vestibule vers la cour

La decorazione scolpita nella volta, in stucco di polvere di marmo, è uno dei primi esempi della ripresa nel Rinascimento di una tecnica che veniva utilizzata nell’Antichità. Come nel secondo vestibolo che conduce al giardino, il visitatore scopre sin dall’ingresso i due tipi di ornamenti presenti nel palazzo : sul soffitto a volta, il giglio e l’unicorno traducono le ambizioni dinastiche dei Farnese ; e i busti degli imperatori (riproduzioni di busti antichi) allineati nelle nicchie mirano a segnare la continuità che unisce la Roma pontificia del Rinascimento alla Roma imperiale dell’Antichità.

Ultime modifiche: 09/09/2015

Su della pagina