Un ecografo per Lampedusa [fr]

È diventato concreto il gesto dall’associazione della Legione d’Onore per Lampedusa: consegnato un ecografo per il dispensario del Dott. Bartolo,
dopo la raccolta fondi a Palazzo Farnese ad aprile con una proiezione di “Fuocoammare”.

Pietro Bartolo e Antonio Candela con l'ecografo donato dall'ambasciata

L’Ambasciatrice di Francia in Italia, Catherine Colonna, e la Presidente dell’associazione italiana della Legione d’Onore, Anna Maria Tarantola, hanno accolto ad aprile un centinaio di ospiti, nella Sala Anna Magnani di Palazzo Farnese, per una serata a scopo benefico per Lampedusa. Era stato proiettato in tale occasione il film di Gianfranco Rosi, “Fuocoammare” (Orso d’Oro alla 66° edizione Berlinale a Febbraio 2016 e candidato italiano al premio Oscar 2017) alla presenza del regista, di Pietro Bartolo, medico di Lampedusa, e del Sindaco Giusi Nicolini.

Grazie a questa serata di beneficienza sono stati raccolti 13.000 euro per dare un aiuto alle istituzioni e alle associazioni italiane che si occupano dell’accoglienza dei migranti a Lampedusa. L’associazione della Legione d’Onore ha deciso l’acquisto di un ecografo per il dispensario gestito dal Dott. Bartolo. L’ecografo è stato consegnato il 18 novembre.

Anna Maria Tarantola, che ha avuto modo di condividere la nascita dell’idea di “Fuocoammare”, quando era presidente della RAI, ora alla guida della SSMLHISS, ha orientato le attività dell’associazione verso azioni concrete per le popolazioni in difficoltà, in corrispondenza con la parola d’ordine della società dei membri della Légion d’honneur : “L’onore in azione”.

Ultime modifiche: 05/12/2016

Su della pagina