L’Accademia di Francia a Roma festeggia il suo 350° [fr]

L’11 febbraio 2016 l’Accademia di Francia a Roma – Villa Medici ha festeggiato il suo 350° anniversario. Fondata nel 1666 per volere di Luigi XIV, l’istituzione ha da allora accolto generazioni di artisti e ricercatori.

Muriel Mayette-Holtz e Catherine Colonna
Piantagione pino Catherine Colonna e Yves Coppens
Piantagione pino Muriel Mayette-Holz
Catherine Colonna e Francesco Paolo Tronca
Tutti diritti reservati
Tutti diritti reservati
Tutti diritti reservati
Tutti diritti reservati

L’ambasciatrice, Catherine Colonna, era al fianco di Muriel Mayette, direttrice dell’Academia di Francia a Roma per le celebrazioni che si sono svolte l’11 febbraio. E’ stato per lei l’occasione di augurare buon compleanno a questa istituzione, simbolo dell’importanza dei legami molto stretti che uniscono Villa Medici e la città di Roma, con la quale l’Ambasciata lavora per promuovere la cultura francese in Italia.

In occasione di questa ricorrenza, sabato 13 e domenica 14 febbraio 2016, Villa Medici ha aperto le sue porte a tutti per celebrare l’anniversario attraverso un programma di eventi artistici.

La creazione dell’Accademia di Francia a Roma coincise con la politica dei grandi lavori pubblici intrapresa alla fine del XVII secolo da Luigi XIV, grazie alla quale furono trasformati il Louvre, le Tuileries e Versailles. Creata nel 1666 su impulso di Jean-Baptiste Colbert, Charles Le Brun e Gian Lorenzo Bernini, l’Accademia accoglieva sia i vincitori del Prix de Rome, sia i borsisti protetti dai grandi nobili francesi. Durante la sua importante attività l’Accademia ha ospitato borsisti celebri come Victor Baltard, l’architetto di Les Halles a Parigi, Charles Garnier, dell’omonima Opéra Garnier, compositori come Berlioz, Bizet, Gounod e Debussy, scultori come Carpeaux e David d’Angers. Nel 1961 André Malraux nominò il pittore Balthus direttore della Villa: la volontà congiunta di queste due personalità permise una profonda riforma dell’Accademia.

L’Accademia di Francia a Roma oggi, partecipa a scambi culturali ed artistici, organizza mostre, concerti, convegni e seminari su temi relativi alle arti, alle lettere e alla loro storia, rivestendo un ruolo decisivo nella vita culturale romana ed europea.

Per i suoi 350 l’Accademia ha aperto le sue porte con due iniziative artistiche a ingresso gratuito che raccontavano in maniera inedita la storia dell’istituzione: le visite-spettacolo artisti della compagnia francese Delices DADA e spettacolo di luci e immagini del collettivo Spectaculaires – Allumeurs d’images, che ha animato la facciata interna della Villa.

Inoltre dal 18 febbraio I giovedì della Villa. Questions d’art diventano l’appuntamento settimanale e gratuito per incontrare artisti e studiosi di tutti gli ambiti della creatività.

Nel corso dell’anno l’Accademia di Francia a Roma renderà omaggio al talento dei pensionnaires con tre esposizioni.

Ritrovate tutte le iniziative in programma sul sito della Villa

Ultime modifiche: 15/02/2016

Su della pagina