Il credito d’imposta per la ricerca (CIR) [fr]

Quali sono i benefici e i vantaggi del Credito d’imposta di ricerca (CIR) ? qual’è l’ammontare? Chi puo’ beneficiarne? Vi presentiamo in 10 punti il Credito d’imposta per la ricerca.

JPEG

Un tasso vantaggioso

L’ammontare del credito d’imposta è pari al 30% delle spese annue di Ricerca e Sviluppo fino a 100 milioni di euro per società è pari al 5% se la spesa annuale è superiore a tale soglia. I salari sono detratti al 100%; le spese di funzionamento sono detratte a un’aliquota forfettaria pari al 50% delle spese. Gli investimenti sono detratti per il 75% dell’ammontare.

Un dispositivo aperto a tutte le imprese

Qualunque sia il vostro settore di attività, la vostra nazionalità o la dimensione della vostra impresa, ne avete diritto.

###########################

Molti beneficiari

16.000 imprese hanno beneficiato del CIR nel 2013.

Una base imponibile molto ampia

L’imponibile del CIR tiene conto non solo dell’insieme delle spese di R&S (salari, oneri sociali, ammortamenti, spese di funzionamento, esternalizzazione e subappalti, brevetti, ecc.), ma anche delle spese d’innovazione (Cll) sostenute dalle PMI al tasso del 20% entro il limite annuo di 400 000 euro.

Un dispositivo su misura

Le spese per attività di ricerca subappaltate ad enti pubblici sono prese in considerazione fino al 200%, il che equivale a radoppiare il credito d’imposta fino a 12 milioni di euro. Le spese per gli stipendi dei giovani dottori che sottoscrivono il loro primo contratto di lavoro a tempo indeterminato beneficiano di un tasso del 400% per due anni.

Possibilità di rimborso immediato del credito d’imposta

Le PMI, le Jeunes Entreprises Innovantes JEI - Nuove imprese innovatrici - come altre nuove imprese nonché le imprese in difficoltà possono chiedere il rimborso immediato del credito d’imposta. Bpifrance, la banca d’investimenti pubblici, offre a tal fine una soluzione di prefinanziamento del CIR fino all’80% (imprese insediate in Francia da più di tre anni che hanno beneficiato una prima volta del CIR).

Un dispositivo stabile e sicuro

I dispositivi CIR e JEI hanno un’impronta stabile almeno fino al 2017. Inoltre le aziende hanno la possibilità di avvalersi della procedura di silenzio-assenso riguardo al CIR in particolare presso Bpifrance o l’amministrazione fiscale, al fine di rendere sicuri i loro investimenti (assenso tacito in assenza di risposta dell’amministrazione entro 3 mesi).

Un vantaggio fiscale accertato

Il vantaggio fiscale per le imprese ha raggiunto più di 6 miliardi di euro nel 2013.

Un credito cumulabile

Un’impresa che beneficia dello status di JEI può cumulare i vantaggi legati alle riduzioni d’imposta previste dal CIR con le esenzioni fiscali (imposte locali, oneri sociali, ecc.) previste nel dispositivo JEI, e più in generale con tutti i dispositivi di aiuto in essere (per esempio il CICE).

Un’efficacia riconosciuta a livello internazionale

Il 9° osservatorio europeo dell’innovazione colloca il CIR al 1° posto dei dispositivi di finanziamento dell’innovazione delle imprese europee (Alma Consulting Group, 2013).

La Francia è il paese che offre il trattamento fiscale in materia di R&S più vantaggioso per le imprese (Scoreboard OCSE 2013 su Scienza, Tecnologia e Industria).

La Francia è al 1°posto al mondo (tra i dieci paesi valutati) in materia di fiscalità d’impresa per le attività di R&S, per quanto riguarda le basi imponibili, le norme riguardanti gli ammortamenti, le esenzioni e i crediti d’imposta (KPMG, Choix concurrentiels, 2014).

Fonti: Business France

Maggiori informazioni:

- www.sayouitofrance.com
- Scaricate « Il credito d’imposta per la ricerca (CIR) al servizio della vostra impresa - Benefici e vantaggi » (PDF, 313.4 ko)

Traduzione infografia:

- Al primo posto per i dispositivi di finanziamento dell’innovazione
- 13 decisioni di investimenti esteri ogni settimana
- Accesso ad un mercato di 65 milioni di consumatori e piattaforma per la zona del medio Oriente/Africa
- 33% delle esportazioni francesi realizzate da aziende estere

Ultime modifiche: 22/05/2015

Su della pagina