Giornata verde a Palazzo Farnese [fr]

Un anno prima della Conferenza delle Nazioni Unite “Parigi Clima 2015“, l’ambasciata di Francia in Italia s’impegna in un progetto innovativo di riduzione del proprio impatto ambientale : l’ambasciata verde. Il 15 dicembre era una giornata verde a Palazzo Farnese !

JPEG

Un anno prima della Conferenza delle Nazioni Unite “Parigi Clima 2015“, l’ambasciata di Francia in Italia s’impegna in un progetto innovativo di riduzione del proprio impatto ambientale : l’ambasciata verde. E più che mai indispensabile la mobilitazione di tutti (Stati, organizzazioni pubbliche e private, cittadini) per raccogliere la sfida della COP21 : arrivare ad un accordo universale e vincolante per limitare il riscaldamento climatico a 2 gradi.

Per l’inaugurazione ufficiale del progetto, lunedì 15 dicembre è stata una “giornata verde“ a Palazzo Farnese : una bandiera è stata esposta sulla facciata dell’ambasciata, grazie al partnership con Edison, annunciando la COP 21 e l’impegno di tutti gli agenti per un’ambasciata ecoresponsabile. Parte di Piazza Farnese, grazie a Roma Capitale e al contributo dell’Assessorato all’ambiente, agroalimentare e rifiuti, è stata resa “verde“, e gli agenti dell’ambasciata eranno tutti presenti: una manifestazione visiva forte dell’impegno di tutta l’ambasciata.

JPEG

La giornata si è chiusa con una conferenza sul cambiamento climatico con Nicolas Hulot, inviato speciale del Presidente della Repubblica francese per la protezione del pianeta, e Luca Mercalli, presidente della Società Meteorologica Italiana. La giornalista Myrta Merlino animava il dibattito.

L’ambasciata verde è un percorso globale e graduale che crescerà durante tutto l’anno 2015 : dopo una diagnosi completa del proprio impatto ambientale, l’ambasciata identificherà nel corso del 2015 le misure che permettono di ridurlo.

Questa diagnosi è già stata avviata grazie ai due principali partner del progetto : Edison, che apporta il suo savoir-faire e le sue competenze tecniche al fine di realizzare un audit energetico che permette di identificare gli assi di intervento nell’ambito dell’efficacia energetica, e l’ADEME (Agenzia francese dell’Ambiente e del Controllo dell’Energia), che la affianca con la realizzazione di un bilancio carbone. I primi risultati dell’audit energetico saranno disponibili all’inizio del 2015. Il bilancio carbone, invece, si dovrebbe concludere entro la prossima primavera. L’insieme di questi processi permetterà di definire le azioni concrete da attuare.

“Palazzo Farnese sarà così la prima ambasciata di Francia in Europa e la seconda nel mondo ad impegnarsi in questo percorso globale”, ha sottolineato Catherine Colonna, ambasciatrice di Francia in Italia, « molto fiera » del progetto. “Tale iniziativa si iscrive nella volontà della Francia di contribuire in maniera concreta agli obiettivi della COP21, tra l’altro attraverso l’ambizioso progetto di legge sulla transizione energetica attualmente in corso di discussione in Parlamento”, ha continuato l’ambasciatrice. “Mi rallegra particolarmente l’impegno delle città di Roma e di Parigi che, nell’ambito del loro gemellaggio, hanno messo in cima alle proprie priorità la lotta contro i cambiamenti climatici”.

Rendere più ecologiche le attività di un palazzo del XVI° secolo che accoglie circa 30 000 invitati e visitatori all’anno, è una grande sfida che i membri dell’ambasciata hanno scelto di raccogliere insieme. Così l’ambasciata ha già iniziato ad agire :
- un comitato di pilotaggio dove sono rappresentati tutti i servizi dell’ambasciata si riunisce ogni mese per definire le priorità dell’azione verde dell’ambasciata. E’ guidato dal numero due dell’ambasciata, Erkki Maillard, e dalla responsabile del progetto Lucia Magnaud.
- l’ambasciata ha adottato delle misure per la raccolta differenziata e grazie alla collaborazione di tutti gli agenti, definisce gli ecogesti indispensabili.

Tutti insieme facciamo della COP21 – 21° Conferenza delle parti alla Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici – un successo !

Ultime modifiche: 16/07/2015

Su della pagina