Francia e Italia contro le infitrazioni della criminalità organizzata nell’economia [fr]

La cooperazione giudiziaria franco-italiana essenziale per la lotta contro le infitrazioni della criminalità organizzata nell’economia! I magistrati italiani e francesi specializzati erano al lavoro a Palazzo Farnese per tre giorni di incontri (23-25 settembre) organizzati dal Ministero della Giustizia francese con il sostegno del la MILDECA (ente francese di lotta contro la droga) e del Consiglio Superiore della Magistratura.

L’ambasciatrice Catherine Colonna ha aperto i lavori alla presenza del procuratore nationale anti-mafia Franco Roberti e del suo omologo francese Robert Gelli, che hanno sottolineato davanti alla stampa la volontà comune di rafforzare la cooperazione per far fronte alle nuove sfide della criminalità transnazionale.

Considerata la prossimità geografica dell’Italia e della Francia, la cooperazione giudiziaria franco-italiana appare essenziale, tanto nella comprensione delle reti criminali transnazionali, quanto nella condivisione dell’esperienza acquisita da ciascuno Stato, in particolare nella lotta contro il narcotraffico, che rappresenta una delle fonti principali del finanziamento delle loro altre attività illecite e ai loro investimenti nelle nostre economie nazionali.

Mercoledi 23 settembre, è stato nell’ambito del rilancio di questo protocollo che si sono riuniti i rappresentanti delle autorità giudiziarie francesi e italiane, allo scopo di evocare le specificità giuridiche di ogni paese e gli strumenti per migliorare e intensificare gli scambi al fine della realizzazione di strategie comuni d’inchiesta per lottare meglio contro la criminalità organizzata transfrontaliera.

Giovedi 24 e venerdi 25 settembre, gli scambi tra esperti e operatori dei due paesi hanno riguardato più specificamente la cooperazione giudiziaria per lottare contro l’infiltrazione della criminalità organizzata nelle economie nazionali tramite i proventi derivanti dal traffico di stupefacenti.

Ultime modifiche: 06/10/2015

Su della pagina