Dichiarazione di Laurent Fabius e di Ségolène Royal sul 4° volume del rapporto del GIEC

Dichiarazione di Laurent Fabius, Ministro degli Affari esteri e dello Sviluppo internazionale, e di Ségolène Royal, Ministro dell’Ecologia, dello Sviluppo sostenibile e dell’Energia

Laurent Fabius, Ministro degli Affari esteri e dello Sviluppo internazionale, e Ségolène Royal, Ministro dell’Ecologia, dello Sviluppo sostenibile e dell’Energia salutano l’adozione il 12 aprile a Berlino del terzo volume del rapporto di valutazione del GIEC relativo alle politiche di attenuazione del cambiamento climatico.

Data l’accelerazione delle emissioni di gas a effetto serra, il rapporto conferma la necessità di agire senza indugio e andare al di là delle politiche già avviate, come farà la Francia con la futura legge di programmazione sulla transizione energetica. Descrive le diverse opzioni che consentono di rispettare il limite di due gradi di aumento del riscaldamento globale, in modo da contenere gli effetti del cambiamento climatico.

Lottare contro il cambiamento climatico rappresenta un’opportunità : nel rispetto delle scelte di ogni paese, il rapporto sottolinea i profitti per le nostre economie di una politica favorevole alla sobrietà carbonica, ad esempio in materia di trasporti, urbanistica o efficienza energetica dei palazzi. Ricorda la parte svolta dalla preservazione degli ecosistemi e della biodiversità nonché dalla gestione sostenibile delle foreste nella lotta ai cambiamenti climatici.

I lavori del GIEC e l’appello da parte dei suoi membri alla cooperazione internazionale costituiscono un punto di riferimento essenziale per la preparazione dell’accordo sul clima che la comunità internazionale deve adottare a Parigi nel mese di dicembre 2015. La Francia è pienamente mobilitata affinché venga concluso un accordo in questa occasione. Inoltre si mostra determinata a contribuire all’adozione da parte dell’Unione europea di un insieme di norme energia-clima robusto all’orizzonte 2030, con una riduzione delle nostre emissioni del 40% rispetto al 1990.

Ultime modifiche: 29/07/2014

Su della pagina