Attentato di Nizza : dichiarazione di François Hollande [fr]

Dichiarazione in seguito agli avvenimenti di Nizza

15 luglio 2016

"L’orrore... L’orrore di nuovo si è appena abbattuto sulla Francia.
A Nizza, questa notte, un camion si è scagliato sulla folla riunita per i fuochi d’artificio del 14 luglio con l’intento di uccidere, d’investire e di massacrare.

Compiangiamo nel momento in cui parlo 77 vittime tra cui parecchi bambini e una ventina di feriti molto gravi. Questo attacco, il cui carattere terroristico non puo’ essere negato, è ancora una volta di una violenza assoluta.

E’ chiaro che dobbiamo fare tutto cio’ che è possibile per poter lottare contro il flagello del terrorismo.

L’autista è stato ucciso. Ignoriamo anche in questo momento se avesse dei complici ma facciamo in modo che la sua identificazione, che sarà verificata, possa condurci su eventuali loro tracce.

La Francia è stata colpita il giorno della sua festa nazionale, il 14 luglio, simbolo della libertà, perché i diritti dell’Uomo sono negati dai fanatici, e la Francia è per forza il loro bersaglio.

Esprimo a nome della nazione sconsolata la nostra solidarietà nei confronti delle vittime e delle loro famiglie.

Tutti i mezzi sono dispiegati per poter aiutare i feriti. Il Piano bianco che mobilita tutti gli ospedali della regione è stato attivato. Dopo Parigi nel mese di gennaio 2015, poi a novembre dello scorso anno, con Saint-Denis, ecco che Nizza è colpita a sua volta. E’ tutta la Francia ad essere sotto la minaccia del terrorismo islamico.

Quindi in queste circostanze, dobbiamo dare la dimostrazione di una vigilanza assoluta e di una determinazione costante.

Numerose misure sono già state prese. Il nostro arsenale legislativo è stato considerevolmente rafforzato. Ma dobbiamo, poiché siamo in un periodo estivo, migliorare ancora il nostro livello di protezione.

Così, ho deciso, su proposta del Primo ministro e con i ministri interessati - della Difesa e dell’Interno - che innanzi tutto dobbiamo mantenere ad un alto livello l’operazione Sentinelle, che permette di mobilitare 10.000 militari, oltre a carabinieri e poliziotti.

Ho anche deciso di avvalermi della riserva operativa, cioé di tutti coloro che a un certo punto sono stati militari o sono stati tra gli effettivi della gendarmeria, per venire ad alleviare il compito dei poliziotti e dei carabinieri. Potremo dispiegarli in tutti i luoghi in cui abbiamo bisogno di loro ed in particolare per il controllo delle frontiere.

Infine, ho deciso che lo stato di emergernza che doveva terminare il 26 luglio sarà prolungato di tre mesi. Un progetto di legge sarà presentato al Parlamento entro la settimana prossima.

Nulla ci farà arrendere nella nostra volontà di lottare contro il terrorismo e rafforzeremo maggiormente le nostre azioni in Siria e in Iraq. Continueremo a colpire coloro che per l’appunto ci attaccano sul nostro suolo, nei loro covi. L’ho annunciato ieri mattina.

Un Consiglio di Difesa avrà luogo domani. Esaminerà tutte le misure che abbiamo già adottato e che ho appena annunciato. Permetterà così lo spiegamento di tutti gli effettivi necessari in tutti i siti e in tutte le città, in cui abbiamo bisogno di protezione e di vigilanza.

Mi rechero’ con il Primo ministro a Nizza in seguito a questo Consiglio di Difesa per sostenere la città, i suoi eletti, in questa prova e per mobilitare tutti i mezzi necessari.

La Francia è addolorata da questa nuova tragedia. E’ inorridita da cio’ che è appena accaduto, questa mostruosità che consiste nell’utilizzare un camion per uccidere, deliberatamente uccidere, decine di persone che erano presenti semplicemente per festeggiare il 14 luglio.

La Francia, è sconsolata, è addolorata ma è forte, e sarà sempre più forte – ve lo assicuro – dei fanatici che vogliono oggi colpirla."

Fonte: nostra traduzione di Attentat de Nice : déclaration de François Hollande.

Ultime modifiche: 25/08/2016

Su della pagina