Arresto di Antonio Lo Russo, capo di un clan camorristico [fr]

Comunicato stampa del ministero dell’Interno del 16 aprile 2014

"Bernard Cazeneuve, Ministro dell’Interno, si congratula calorosamente con I gendarme della sezione di ricerche (SR) di Fréjus e con la brigada di ricerche di Nizza le quali, raggruppate localmente in una cellula antimafia, hanno arrestato il 15 aprile a Nizza Antonio Lo Russo, capo di un clan camorristico.

Antonio Lo Russo era latitante da quattro anni. Su di lui pende una condanna in primo grado a 20 anni di reclusione per associazione per delinquere di tipo mafioso e associazione finalizzata al traffico di stupefacenti. Il latitante veniva ritenuto un obiettivo prioritario dalle autorità italiane.

Questa interpellanza è il prodotto di una stretta cooperazione tra i gendarmi francesi e i carabinieri italiani. Sono necessitate diverse settimane di lavoro per ottenere tale risultato di rililevo. Il Gruppo di Intervento della Gendarmeria Nazionale (GIGN) e iI Gruppo di Osservazione e di Sorveglianza della Gendarmeria (GOS) della SR di Montpellier sono state mobilitate pure loro.

A tutti, Bernard Cazeneuve rinnova le sue più vive congratulazioni per aver colpito così severamente la criminalità organizzata."

Per saperne di più sulla cooperazione tra Francia e Italia in materia di sicurezza interna, leggete la nostra scheda tematica

Ultime modifiche: 25/04/2014

Su della pagina