13 - Rifiuto di visto/Ricorso [fr]

La mancata motivazione del rifiuto di un visto

I rifiuti di visto non sono motivati, tranne che per certe categorie di richiedenti, come ad es.:

• i coniugi di cittadini francesi;

• i figli di cittadini francesi di meno di 21 anni e/o a carico;

• gli ascendenti (padre e madre) di cittadini francesi;

• i beneficiari di un’autorizzazione a raggruppamento familiare (a seguito di autorizzazione a poter procedere al raggruppamento familiare, rilasciata dall’autorità prefettizia);

• i lavoratori autorizzati ad esercitare un’attività professionale salariata in Francia con un contratto vistato da un DDTEFP; da un’autorizzazione provvisoria di lavoro (APT) rilasciata da un DDTEFP oppure nell’ambito di un dossier d’introduzione di lavoratore stagionale, temporaneo o permanente, dell’OFII (compresi gli stagisti professionali introdotti dall’OFII

I Ricorsi

Se desiderate indirizzare, tramite posta, un ricorso al consolato, potete farlo con lettera manoscritta raccomandata con ricevuta di ritorno. La mancanza di risposta nei due mesi successivi al ricorso equivalgono alla conferma di rifiuto da parte dell’autorità consolare.

Ultime modifiche: 03/10/2016

Su della pagina